L’Unione Europea al centro di una mattinata culturale

Presentato stamattina il libro "Unione Europea e Governi Territoriali: risorse, vincoli e controlli"

Unione Europea e Governi Territoriali: risorse, vincoli e controlli
Presentato il volume: “Unione Europea e Governi Territoriali: risorse, vincoli e controlli”

Stamane, mercoledì 29 maggio alle 10:30, il teatro comunale “Nicola Resta” ha ospitato un importante momento culturale.

È stato presentato il volume “Unione Europea e Governi Territoriali: risorse, vincoli e controlli” edito Cacucci curato dai professori Triggiani (ordinario di Diritto dell’Unione Europea UniBa), Nico (ordinario di Istituzioni di Diritto Pubblico UniBa) e Nacci (aggregato di Istituzioni di Diritto Pubblico e Diritto Regionale ed Enti Locali UniBa).

La mattina formativa ha fotografato la situazione dell’Europa descrivendone lo stato attuale, le prospettive future e le opportunità. Il convegno è stato curato dal comitato scientifico composto dalla prof.ssa Maria Grazia Nacci (presidente), dalla dott.ssa Francesca Perrone e dalla dott.ssa Maria Irene Paolino.

Ad aprire i lavori l’indirizzo di saluto de primo cittadino di Massafra Fabrizio Quarto il quale, introducendo il tema al centro del momento culturale, ha dedicato un passaggio all’Europa attuale soffermandosi su quanto “scetticismo” le ruoti intorno e considerando, al contempo, anche le occasioni che l’Unione offre. A seguire gli indirizzi di saluto formulati dal sindaco di Martina Franca Francesco Ancona, dal sindaco di Crispiano Luca Lopomo e dal rappresentante dell’Ordine degli Avvocati di Taranto avvocato Paola Donvito.

Si è entrati nel vivo con gli interventi a cura dei professori Ennio Triggiani, Anna Maria Nico e Maria Grazia Nacci moderati dall’avvocato Giuseppe Chiarelli, docente a contratto di Diritto Amministrativo UniBa.
La professoressa Maria Grazia Nacci si è soffermata sul sistema di finanza derivata, sui vincoli europei sempre più incalzanti in coincidenza con la crisi economica e su come, in seguito ai processi di valorizzazione delle autonomie locali, sorga spontaneo domandarsi se le autonomie territoriali siano un problema o una risorsa.

La professoressa Anna Maria Nico ha relazionato sul rapporto esistente tra il diritto e l’economia. «Due sistemi – ha chiarito la professoressa – che potrebbero sembrare apparentemente differenti, ma sono connessi da punti di equilibrio, con la volontà del diritto di riappropriarsi di quella parte che l’economia aveva sottratto.»

«Occorra aprirsi bandendo i confini intellettuali – ha affermato professor Ennio Triggiani – per capire quello che succede intorno, con la forza che ci deriva da una robusta storia culturale. I confini – ha continuato Triggiani – sono determinanti per ognuno di noi, tenendo presente che sono gli stati membri ad esercitare ancora il potere ed il futuro è dettato dai continenti e dal principio di solidarietà tra popoli, territori e generazioni.»
Franco Ancona, primo cittadino di Martina Franca, ha auspicato che si inizi ad impiantare il pilastro sociale dell’Europa e che si lavori sempre più in favore delle politiche culturali. «Con un’Europa forte – ha osservato Ancona – abbiamo la possibilità di garantire diritti e libertà.»

Luca Lopomo, sindaco di Crispiano, ha parlato delle incongruenze europee e di come si sia persa la forza della politica che possa governare l’economia. Lopomo, affermando che studio e conoscenza significano libertà, ha invitato i giovani a mettere sempre in discussione la realtà che li circonda.

L’avvocato Paola Donvito, nel porgere il saluto dell’Ordine degli Avvocati, ha sottolineato come sia importante rivolgersi ai ragazzi mostrando le prospettive del domani, spingendo le future generazioni a cogliere le opportunità che l’Europa ci offre.

«Una mattina formativa – ha concluso il sindaco Quarto rivolgendosi agli studenti degli Istituti d’Istruzione Scolastici Superiori massafresi – ha fotografato la situazione dell’Europa, di com’è, di come la desideriamo e delle sue opportunità.»