SS7 Appia: il divieto continua a non essere rispettato

A riferirlo il comandante della Polizia Locale di Massafra colonnello Antonio Modugno

0
178
SS7 Appia: il divieto continua a non essere rispettato
Controlli della Polizia Locale di Massafra

A partire dalle 15 di oggi pomeriggio, due pattuglie automontate della Polizia Locale di Massafra coordinate dal vice commissario Mirko Tagliente sono state impegnate in una nuova operazione di polizia stradale volta a far rispettare il divieto di transito sulla SS Appia n.7.

Unici ad intervenire in maniera concreta ed incisiva per far rispettare il divieto imposto dall’ordinanza sindacale emanata dal primo cittadino massafrese Fabrizio Quarto sono gli uomini della Polizia Locale di Massafra.

A riferire dell’operazione, il comandante:« A condurre l’operazione di polizia stradale sulla statale, come sempre, solo ed esclusivamente la Polizia Locale di Massafra. Il fenomeno è mostruoso tanto quanto l’inquinamento – ha commentato il colonnello Antonio Modugno – Il pericolo è totale – ha continuato – l’abitudine al non rispetto delle norme è disarmante come lo sono l’arroganza ed il non rispetto altrui.»

Le parole del colonnello hanno suscitato una nostra domanda: «Parla di arroganza e non rispetto altrui perché qualche conducente di mezzo pesante fermato dai suoi uomini ha reagito male? Cosa hanno riferito gli agenti ed il vice commissario Tagliente?»

SS7 Appia: il divieto continua a non essere rispettato

Puntuale il chiarimento di Modugno: «Abbiamo avuto solo un episodio di un autista che voleva reagire ma nulla di importante, è stato subito messo a tacere e verbalizzato. I miei sottoposti collaboratori hanno una elevata professionalità e preparazione per affrontare tutti. Parlavo di arroganza – chiarisce il colonnello – perché osano sfidare continuamente le norme. Comunque il fenomeno è oramai in netto calo. Il problema serio – ha evidenziato – è che non ci sono risorse umane sufficienti per i controlli che devono essere chiaramente giornalieri ed al momento è impossibile. All’organico del Corpo mancano venti unità.
Confido nella volontà concreta del sindaco Quarto di reperire nuove risorse umane per la Polizia Locale di Massafra.
»

Nonostante i cartelli ben visibili, le informazioni diffuse da tutti i mezzi di comunicazione, le azioni di prevenzione e repressione messe in campo dalla Polizia Locale di Massafra il divieto continua a non essere rispettato.

È chiaro che l’imposizione del cambio di percorso per i mezzi pesanti fa ancora fatica ad essere accettata e di conseguenza rispettata.