Arrestato un giovane massafrese: nel garage produceva armi clandestine

Nei guai un ventinovenne incensurato di Massafra. Il giovane è stato colto in flagranza di reato ed arrestato dai Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Massafra con l’accusa di detenzione illegale di arma comune da sparo e di arma clandestina.

Nell’ambito di un servizio mirato, i militari hanno eseguito una perquisizione domiciliare. Nel garage di pertinenza dell’abitazione del ventinovenne, è stato rinvenuto un vero e proprio laboratorio per la produzione di armi clandestine e munizioni. Più specificamente, in un cassetto di un tavolo da lavoro, erano nascosti: un revolver calibro 320mm perfettamente funzionante, detenuto senza titolo; due pistole semiautomatiche a salve calibro 8 modificate, mediante la sostituzione delle canne, in calibro 9 perfettamente funzionanti e pronte a far fuoco; una pistola semiautomatica calibro 9 a salve in fase di modifica; una pressa per ricarica proiettili di vario calibro; ogive, bossoli ed inneschi per la produzione di un centinaio di proiettili calibro 9mm; attrezzi vari idonei alla modifica di armi.

Le armi sequestrate, saranno inviate al R.I.S. per essere sottoposte ad accertamenti balistici, dattiloscopici e biologici finalizzati a verificare se sono state utilizzate nella commissione di reati.

L’intervento delle forze dell’ordine ha permesso dunque di individuare e bloccare un laboratorio di armi clandestine e cogliere con le mani nel sacco il giovane tratto in arresto.