Calcio: il Città di Massafra pareggia per la terza volta

Al "Dimitri" di Manduria i giallorossi pareggiano per 4 a 4 contro il Manduria

Ancora un pareggio per il Città di Massafra

La partita della 27^ giornata del campionato giocata domenica 31 marzo in casa dal Città di Massafra contro il San Vito allo stadio “Italia” di Massafra si è chiusa, com’è noto, con l’1 a 1.
La novità riguarda le conseguenze disciplinari che ha comportato.
Pesante l’esito della seduta del 2 aprile scorso nel corso della quale il Giudice Sportivo ha squalificato per due giornate il portiere titolare Luca Miccoli. Ricordiamo che il portiere giallorosso è stato espulso dall’arbitro Salvatore Santeramo della sezione di Barletta nel tunnel degli spogliatoi al termine della pausa tra i due tempi di gioco. Squalificato inoltre dal Giudice Sportivo per 1 giornata Cristian Formisano a motivo della recidiva in ammonizione.
È stata anche disposta l’inibizione fino al 15 giugno per il massaggiatore Nicola Altavilla che il Giudice Sportivo motiva scrivendo: “Alla fine del 1° tempo si avvicinava all’arbitro e teneva un comportamento irriguardoso. Tentava di colpire lo stesso arbitro con un pugno, non riuscendovi per il fattivo intervento di altro dirigente“.

Dal Giudice Sportivo ancora un provvedimento: il Città di Massafra è sanzionato con un’ammenda di 1.000 euro perché “I propri sostenitori a fine gara sputavano nei confronti dell’arbitro colpendolo sul volto e gridavano frasi irriguardose. Inoltre alcuni sostenitori si avvicinavano all’auto dell’arbitro mentre si allontanava prontamente ma venivano fermati dai Carabinieri“.

Due squalifiche, l’inibizione del massaggiatore ed una multa è dunque il bilancio disciplinare con cui la squadra giallorossa si è preparata ad affrontare la 28^ giornata del campionato giocata il 7 aprile allo stadio “Dimitri” di Manduria.
La partita giocata contro il Don Bosco Manduria si è chiusa con il pareggio. Il 4 a 4 di domenica è il terzo della tripletta di pareggi iniziata con il 3 a 3 della partita contro la Polimnia e continuata con l’1 a 1 contro il San Vito.

A Manduria il Città di Massafra è stato distratto ed ha mostrato un evidente calo fisico e mentale probabilmente dovuto all’esito demotivante delle partite precedenti.

Clamorosa dunque la perdita di altri punti causata dal pareggio contro il retrocesso Don Bosco Manduria.

Le assenze dei titolari Miccoli, Formisano, De Bartolomeo e Greco hanno influito sull’esito della partita per il Città di Massafra.

Inizialmente la squadra giallorossa era in vantaggio con il goal segnato al 23′ da Camara e quello di Turi su punizione arrivato al 27′.

Il Manduria è graziato da due errori dei giallorossi che forniscono a De Pascalis e Kamara le occasioni giuste per andare a rete. Il primo tempo finisce in parità fermandosi sul 2 a 2.

L’inizio del secondo tempo vede i giallorossi in vantaggio, al 12′ Camara segna il goal del 2 a 3. Le carte in tavola cambiano al 27′ con il goal di Kamara che porta il Don Bosco Manduria al pareggio, il vantaggio arriva poi con Cazzolla che al 30′ porta la squadra sul 4 a 3.
Al 38′ è Anfane l’autore del gol del pareggio che salva la squadra giallorossa dalla sconfitta contro il fanalino di coda della classifica. È così che la partita si chiude in pareggio con il 4 a 4.

La porta del Città di Massafra non subiva 4 goal dalla prima giornata del campionato quando allo stadio “Italia” di Massafra vinse il Sava per 1 a 4.

Con il pareggio di domenica, la squadra giallorossa porta a casa 50 punti lasciando al Capurso il 4° posto.

Per la partita di ritorno il Città di Massafra affronterà il Brindisi.