Isola pedonale natalizia: l’intervento del consigliere comunale Zaccaro

Per la Zaccaro è un "danno ai commerciati e un aggravio di traffico"

0
114
Isola pedonale natalizia: l'intervento del consigliere comunale Zaccaro

A pochi giorni dall’istituzione dell’isola pedonale natalizia, il consigliere comunale Giancarla Zaccaro interviene sull’argomento con un comunicato stampa. Critica la posizione sull’isola pedonale a corso Roma. Evidente e vibrante il dissenso espresso nella nota nella quale si afferma che l’isola pedonale natalizia arrechi danno alle attività commerciali del centro cittadino.

Di seguito riportiamo integralmente il comunicato stampa firmato da Giancarla Zaccaro.

Errare è umano, perseverare è diabolico. Il vento del cambiamento continua a soffiare sull’incendio del fallimento che interessa Massafra da due anni e mezzo. L’armata Brancaleone condotta dal sindaco Quarto non riesce a farne una buona. Caos, flop, buco nell’acqua: ognuno può scegliere il termine, il significato ed il senso sono purtroppo uguali. L’ultima iniziativa, a danno della città in ordine cronologico, riguarda la nuova istituzione dell’isola pedonale natalizia su corso Roma. L’iniziativa già sperimentata in passato, in altre finestre temporali dell’anno, si è rivelata solo un danno ai commerciati e un aggravio di traffico lungo le strade limitrofe, con disagi prolungati per l’intero centro città di Massafra. È mai possibile che l’armata Quarto continui a rimanere sorda dinnanzi alle richieste dei commercianti di corso Roma?

Se la categoria ha chiesto di abbandonare l’istituzione prolungata dell’isola pedonale, soprattutto nei periodi come quello natalizio, periodo nel quale le attività auspicano di tirare una boccata di ossigeno, perché continuare e perseverare a danno dei commercianti?

Non sarebbe più opportuno che l’amministrazione Quarto inizi a prendere sul serio nelle mani il proprio programma elettorale di coalizione e, con particolare riferimento al centro storico, avvii una pianificazione ed una programmazione che contempli eventi, azioni ed iniziative volte a recuperare e rilanciare quella Massafra che permane nell’abbandono più totale?

L’isola pedonale o la zona pedonale dovrebbe interessare in primis il nostro centro storico unitamente ad azioni istituzionali che ne consentano la valorizzazione dello stesso, incentivando l’avvio di nuove attività, valorizzando quelle esistenti, promuovendo e sostenendo le iniziative e gli eventi che stimolano l’interesse dei massafresi e dei visitatori alla scoperta delle nostre radici, della nostra storia e dell’intera comunità.

In questo modo conseguiremmo un duplice risultato ovvero solleveremmo dal disagio i commercianti di corso Roma e avremmo una zona pedonale di tutto rispetto.
È mai possibile che l’amministrazione Quarto non si renda conto che la città di Massafra, le imprese, i commerciati e tutti i suoi cittadini sono lontani dall’aver superato il periodo di crisi che da tempo attanaglia tutti?

Chi ha deciso in merito all’istituzione dell’isola pedonale, è consapevole che sono lontani i tempi dello shopping opulento e della corsa ai regali e che qui, a Massafra, si continua ancora a vivere alla giornata?

Perseverare con l’istituzione dell’isola pedonale di corso Roma significa dare il colpo di grazia alla categoria dei commercianti, già provata dal crollo degli acquisti, con conseguenze dirette sulle proprie attività, che per molti rappresenta l’unico sostegno di reddito, e sui tanti posti di lavoro che le attività assicurano. Forse l’amministrazione comunale Quarto non se ne è accorta!
Loro sono nel palazzo e la realtà è un’altra. Forse, istituire l’isola pedonale con un semplice atto, è più semplice che pianificare e programmare. Tuttavia per l’amministrazione Quarto è arrivato oramai il momento di dare conto alla comunità del lavoro svolto in questi anni. Siamo a metà mandato ed il sacco, a guardarlo bene, sembra vuoto e la compagine di maggioranza non più concorde e compatta anzi diverse sono le lacerazioni in corso. Dal giro di boa al termine fisiologico del mandato il percorso non è affatto breve, c’è ancora tempo, tempo prezioso che Massafra e l’intera comunità non può assolutamente permettersi di perdere dietro l’inefficienza amministrativa del cambiamento.

Il tempo delle promesse elettorali urlate dai palchi è oramai lontano e di quei bei discorsi sono rimasti solo i video sui social che oggi, rivisti a distanza di tempo, suscitano molta riflessione, rassegnazione e una buona dose di ilarità.

Con il passare del tempo matura la consapevolezza che il caos, il flop e il buco nell’acqua oltre ad essere il significato e il senso del disagio di Massafra, rappresentano il comune denominatore del sentimento di delusione e di fallimento dell’amministrazione Quarto. Fermatevi!

Giancarla Zaccaro