Pettole di Massafra

Questa ricorrenza dà ufficialmente inizio al periodo delle festività natalizie.

Le pettole di Santa Cecilia sono un dolce della tradizione popolare e la preparazione è molto semplice. Si tratta di soffici nuvolette di pasta fritta che gli antichi hanno chiamato cuscini di Gesù.

La leggenda narra che i pastori scendevano in paese suonando le zampogne e le massaie si affacciavano ad ascoltare.
Il giorno di Santa Cecilia, una donna preparò l’impasto del pane e lo mise a lievitare. Attratta dal suono delle zampogne,  seguì i pastori per i vicoli della città.

Ritornata a casa, si rese conto che l’impasto aveva lievitato troppo e così non lo poté più utilizzare per fare il pane.

Decise allora di scaldare l’olio e dall’impasto ricavarne tante palline, che cotte divennero gonfie e soffici. Tanto che le battezzò i “cuscini di Gesù Bambino”.

I suoi bambini ne furono entusiasti e questi dolci improvvisati furono chiamati “pettel” dal termine pitta che significa focaccia.

Oggi si usa preparare le pettole sia dolci che salate ripiene di acciughe.