Massafra presente domenica alla manifestazione sulla Xylella

A rappresentare la città il sindaco Quarto ed il consigliere comunale Vito Masi

0
69
Massafra presente domenica alla manifestazione sulla Xylella

Domenica 13 gennaio, a Monopoli, si è svolto un partecipatissimo corteo dedicato al problema della Xylella. L’iniziativa, promossa e sostenuta dall’ANCI Puglia, è stata intitolata “Sì, combatto Xylella, Sì per il paesaggio, la produttività, la scienza“.

All’importate appuntamento era presente anche Massafra rappresentata dal primo cittadino Fabrizio Quarto e dal consigliere comunale incaricato alle problematiche agricole Vito Masi.

«La gravità della situazione – hanno commentato gli amministratori – non consente ulteriori deroghe e attese rispetto alla necessità di mettere in campo ogni utile iniziativa per contrastare efficacemente l’avanzare del contagio della Xylella e attivare ogni forma di sostegno al comparto olivicolo pugliese duramente colpito da una gravissima crisi.»

«La presenza alla manifestazione – hanno motivato Quarto e Masi – in spirito ANCI, intende dar voce ai territori, per salvaguardarli in termini economici, ambientali e paesaggistici.»

Insomma ogni tavolo di confronto è utile a sollevare l’urgente quanto grave problema della Xylella che da qualche tempo sta attanagliando la Puglia e mettendo in crisi l’olivicoltura.

Anche Massafra ha inteso offrire il proprio appoggio sebbene non sia colpita dal contagio. Gli amministratori cittadini si sono uniti al coro unanime dei tanti sindaci che hanno partecipato alla manifestazione sollevando a gran voce la richiesta di aiuto e l’urgenza di trovare una soluzione al problema.
Ricordiamo che la manifestazione si è tenuta a Monopoli perché è la città dove è stato recentemente scoperto l’ulivo infetto più a nord nel territorio pugliese, più precisamente vicino la Piana degli ulivi monumentali in contrada Caramanna. Questo farà spostare ulteriormente la linea di demarcazione tra le zone ritenute immuni e quelle “cuscinetto”.

«Siamo in piazza – ha spiegato il primo cittadino di Monipoli Angelo Annese – per esprimere un’idea comune di chi dice sì al paesaggio, alla produttività e alla scienza». Chiarissimo il riferimento alla salvaguardia dell’economia e del paesaggio del territorio compromessi da 1,2 miliardi di danni provocati dal diffondersi della Xylella fastidiosa e dai milioni di ulivi seccati.

La malattia degli ulivi sta lentamente risalendo la regione, per questa ragione si richiede al Governo di mettere in atto interventi risolutivi per arginare la Xylella fastidiosa.