“Piovono coriandoli sul Carnevale di Massafra”: l’annuncio di Quarto

Un finanziamento importante ottenuto dall'amministrazione sembra essere un'ottima premessa per l'edizione targata 2019 del carnevale massafrese

Carnevale di Massafra ecco come nacque
Carnevale Massafra - Immagini offerte dal fotografo Fabio Galeone

Piovono coriandoli sul #CarnevalediMassafra! Il Ministero dei Beni Culturali ha assegnato la somma di 66 mila euro al Carnevale storico di Massafra per l’anno 2018. Il finanziamento intercettato dall’amministrazione sarà replicato anche per gli anni 2019 e 2020! Una notizia tanto attesa che premia il lavoro costante dell’amministrazione, la quale continuerà il suo percorso con ancor più impegno e passione.” Questo l’annuncio trionfante postato sul suo profilo Facebook ufficiale dal primo cittadino di Massafra.

Sessantaseimila euro per il Carnevale di Massafra non si erano mai visti. Ad annunciarlo è il sindaco Fabrizio Quarto, titolare della delega assessorile al “Carnevale”.
L’importante contributo arriva dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. I fondi sono stanziati per la promozione dei carnevali storici al fine di implementare le condizioni di attrattività e competitività turistica territoriale.

Il contributo era ottenibile per manifestazioni carnascialesche con almeno venti edizioni documentabili ed una verificata attinenza alla storia ed alle tradizioni popolari a decorrere dal 1990.
La somma di 66 mila euro, mai ricevuta dal Carnevale Massafrese, e la possibilità di usufruirne sin dalla imminente edizione – commenta Quarto – è di buon auspicio per il futuro triennio della manifestazione“.

La buona notizia – conclude il sindaco – avvalora e sostiene sempre più la linea guida della prossima edizione del Carnevale: qualità della cartapesta e ritorno ad una manifestazione partecipata“.

A tal proposito, mercoledì 28 novembre prossimo alle 18 a palazzo della cultura “Nicola Lazzaro“, il primo cittadino incontrerà i cartapestai, al fine di fornire eventuali chiarimenti sull’approvazione del disciplinare inerente ai corsi mascherati della 66^ edizione del Carnevale Massafrese.

Ricordiamo che il comune di Massafra, con la delibera di giunta n° 220 del 15 novembre, ha ufficialmente espresso la volontà di realizzare la 66^ edizione del carnevale. Con lo stesso provvedimento ha approvato il disciplinare per la partecipazione ai concorsi a premi per i carri allegorici, gruppi mascherati e vetrine più originali.

Le iscrizioni sono libere e dovranno pervenire corredate di bozzetto e relativa documentazione così come previsto dall’apposito disciplinare.
Sono stati stabiliti i premi per sette carri allegorici, dieci gruppi mascherati, una maschera/e di carattere, una vetrina ed un balcone decorati con motivi carnascialeschi più originali che sfileranno il 2 il 5 marzo 2019.

I premi destinati ai carri allegorici sono così ripartiti:

  • 1° classificato: 12mila euro;
  • 2° classificato. 11mila euro;
  • 3° classificato: 10mila euro;
  • 4° classificato: 9mila euro;
  • 5° classificato: 8mila euro;
  • 6° classificato: 7mila euro;
  • 7° classificato: 6mila euro.

I gruppi mascherati saranno invece così premiati:

  • 1° classificato € 2.500;
  • 2° classificato 2mila euro;
  • 3° classificato € 1.500;
  • 4° classificato mille euro;
  • 5° classificato 750 euro;
  • 6° classificato 500 euro;
  • 7° classificato 500 euro;
  • 8° classificato 500 euro;
  • 9° classificato 500 euro;
  • 10° classificato 500 euro.

La maschera di carattere originale, la vetrina ed il balcone decorati con motivi carnevaleschi originali che si classificheranno al 1° posto, si aggiudicheranno un contributo di 200 euro.
I disciplinari ed i relativi moduli di iscrizione sono disponibili all’ufficio cultura della sede comunale in via Rosario Livatino.

I carri allegorici dovranno avere le dimensioni massime di 12 metri di lunghezza, 11 metri di altezza (con eventuale pupo completamente alzato), 6 metri di larghezza. Tali misure si intendono finite da terra e possono variare al massimo in più o meno del 5%; le stesse saranno verificate prima dell’inizio della sfilata da un comitato tecnico appositamente individuato.
In occasione della sfilata dovranno essere completamente montati e allestiti, anche negli impianti di illuminazione, musica e amplificazione, pronti alla parata, nella specifica area prossima al circuito entro le 13 del giorno della prima sfilata.

Per ogni carro allegorico in concorso, ciascun giurato esprimerà un punteggio da 1 a 10, non frazionabile, tenendo conto complessivamente di alcuni parametri ben precisi:

  1. cartapesta – qualità di fattura, colorazione e movimento delle opere in cartapesta;
  2. estetica emozionale – estetica complessiva, di prevalente impatto, del Carro;
  3. tema – particolarità del tema artistico, culturale o sociale trattato;
  4. allegoria – particolarità del significato riposto e allusivo oltre l’apparente concreto dei manufatti;
  5. dimensioni – dimensione strutturale;
  6. costumi – originalità, estrosità, qualità e colori del mascheramento dei figuranti;
  7. eco-sostenibilità e sicurezza – grado di adozione di misure sia di antinquinamento sonoro e aereo sia di compatibilità tra divertimento e incolumità di operatori e pubblico;
  8. animazione – animazione durante la parata.

Fervono dunque i preparativi per l’edizione 2019 del carnevale massafrese. La sessantaseiesima edizione della kermesse sembra puntare al ritorno in grande stile dei maestosi carri di cartapesta, opere d’arte di pregio frutto del lavoro straordinario dei maestri cartapestai.

Graduatoria ufficiale del ministero - risorse assegnate